Centro Internazionale Studi Luigi Sturzo
sede regionale Friuli Venezia Giulia
YouTube Twitter Facebook Google + Blogger Pinterest

Chiusura fase diocesana della causa di beatificazione e canonizzazione di don Luigi Sturzo

24 novembre 2017 ore 19.00
S.Messa - Roma - Chiesa S. Agostino
officiata da S.E. mons. Michele Pennisi e S.E. mons. Calogero Peri e mons. Francesco Maria Tasciotti
24 novembre 2017 ore 10.00
S.Messa - Udine - Chiesa S. Giacomo
officiata da mons. Giulio Gherbezza
Indice
Sede e contatti
Centro Internazionale Studi Luigi Sturzo
Sede regionale F.V.G.
via Po, 35
33100 Udine
tel. 349 4237861
fax 0432 504280
posta elettronica: info@centrosturzo.fvg.it
PEC: presidente@pec.centrosturzo.fvg.it
C.F. 94059700305
Scuole di formazione sociale e politica
Arcidiocesi di Udine
Frequenza: in presenza
per informazioni>

Diocesi di Trieste
Frequenza: in presenza e online
per informazioni>

Altre diocesi
per informazioni>
5 per mille
Il C.I.S.S. del FVG รจ iscritto Registro regionale delle associazioni di promozione sociale al n. 160 - DPReg 90 del 21.01.15.
Puoi destinarci il 5 per mille indicando il nostro codice fiscale 94059700305 nel mod. CU, 730, UNICO.
per sostenerci...>
Aderente a
Consulta dei laici dell'Arcidiocesi di Udine

Progetto culturale della CEI

Clonazione a chi conviene?

Un dibattito a margine della sconcertante proposta di clonazione dell'uomo.
Una riflessione per acquisire consapevolezza sulle conseguenze di ordine etico e politico.


Spunti dalla relazione del prof. G. Ceci.

"... non esistono sperimentazioni su materiale biologico destinate a rimanere tali. Deve esserci senz'altro la possibilità, anche solo teorica, di poterle utilizzare in qualche maniera. Nessun ricercatore accetterà mai di far rimanere le sue sperimentazioni confinate solo sulla carta. Prima o poi il suo ego caratteriale lo porterà a prospettarne l'utilizzazione. È un fatto del tutto e assolutamente naturale."

"... se si decidesse di clonare l'uomo con la tecnica usata per i bovini, ci troveremmo nelle mani anziché un prodotto pregiato, un prodotto sicuramente scadente: un prodotto dal codice genetico non aggiornato in senso umano o aggiornato in maniera del tutto diversa.
È proprio questa eventualità che apre lo scenario più inquietante della clonazione umana."

"Far avvenire la fecondazione in vitro, ovverosia in semplice provetta, non è affatto un atto tecnicamente complesso. Il fatto importante è che tale tipo di fecondazione ha messo nelle nostre mani quell'embrione che prima nasceva nel segreto del corpo materno e che, nell'irraggiungibilità di quel grembo, godeva del tranquillo mistero della vita.
Ma cosa è successo dal momento che lo abbiamo avuto nelle nostre mani?"

"... J. Testart, ricercatore che potremmo definire pentito nella storia della fecondazione, nel 1988 ebbe a dichiarare che la ragione del suo pentimento era legato, tra le altre, a questa considerazione: " Sarebbe venuto il giorno - ebbe a dire - che, proseguendo questi esperimenti, i cosidetti genitori avrebbero potuto scegliere i loro piccoli come al canile. In base al colore del pelo, alla lunghezza delle zampe e alla forma delle orecchie".
Ma questo, per il vecchio ricercatore, era assolutamente inaccettabile. E si allontanò così di scena."
In collaborazione con

La Vita Cattolica

Sala Scrosoppi - Seminario Arcivescovile - via Ellero, 3 - Udine - 6 febbraio 1998 dalle ore 18.00
Introduzione

Daniela Vidoni, responsabile regionale CISS

Aspetto scientifico

Gianpiero Ceci, già direttore della Clinica Ostetrica e Ginecologica della Facoltà di Medicina presso l'Università di Udine

Aspetto etico

Ermanno Lizzi, docente di teologia morale presso l'Istituto Superiore di Scienze Religiose

Aspetto giuridico

Renata Masotti, avvocato, esperta di diritto di famiglia e bioetica

moderatrice

Antonella Lanfrit, giornalista, redattrice del "La Vita Cattolica"

Seguirà dibattito