Centro Internazionale Studi Luigi Sturzo
sede regionale Friuli Venezia Giulia
YouTube Twitter Facebook Google + Blogger Pinterest

Chiusura fase diocesana della causa di beatificazione e canonizzazione di don Luigi Sturzo

24 novembre 2017 ore 19.00
S.Messa - Roma - Chiesa S. Agostino
officiata da S.E. mons. Michele Pennisi e S.E. mons. Calogero Peri e mons. Francesco Maria Tasciotti
24 novembre 2017 ore 10.00
S.Messa - Udine - Chiesa S. Giacomo
officiata da mons. Giulio Gherbezza
Indice
Sede e contatti
Centro Internazionale Studi Luigi Sturzo
Sede regionale F.V.G.
via Po, 35
33100 Udine
tel. 349 4237861
fax 0432 504280
posta elettronica: info@centrosturzo.fvg.it
PEC: presidente@pec.centrosturzo.fvg.it
C.F. 94059700305
Scuole di formazione sociale e politica
Arcidiocesi di Udine
Frequenza: in presenza
per informazioni>

Diocesi di Trieste
Frequenza: in presenza e online
per informazioni>

Altre diocesi
per informazioni>
5 per mille
Il C.I.S.S. del FVG รจ iscritto Registro regionale delle associazioni di promozione sociale al n. 160 - DPReg 90 del 21.01.15.
Puoi destinarci il 5 per mille indicando il nostro codice fiscale 94059700305 nel mod. CU, 730, UNICO.
per sostenerci...>
Aderente a
Consulta dei laici dell'Arcidiocesi di Udine

Progetto culturale della CEI

Don Luigi Sturzo

uomo dello spirito, testimone della carità politica nel Novecento




Presentazione del libro "La Vera Vita. Sociologia del soprannaturale." di Luigi Struzo.

Il convegno e la presentazione del libro "La vera vita" si propongono di portare un contributo di riflessione in linea con il progetto culturale della Chiesa udinese per il triennio 2006/2009: "Cristiani capaci di dire e di trasmettere la fede oggi". Una fede vissuta non solo nell"intimità della propria coscienza e relegata a puro fatto privato, ma capace di rispondere alle sfide del nostro tempo: il relativismo etico, il significato della vita umana, il suo inizio, la sua fine, la procreazione, la sessualità, le forme di vita associata, la concezione della legge civile ed il suo compito.
L'educazione al senso cristiano della realtà ha costantemente impegnato la vita di don Sturzo che con stato un luminoso esempio di come un cristiano può dire e trasmettere la fede nel suo tempo.
In particolare, con "La vera vita", don Sturzo ci educa ad una spiritualità incarnata facendoci uscira dalla tentazione, oggi tanto diffusa, di esaltare a parole lo spirito, ma di concentrarsi poi solo sul corpo ridotto a puro oggetto di consumo.
"Non vi sono in noi due vite giustapposte, la naturale e la soprannaturale, ma la seconda eleva la prima a sé, ne coordina i valori ed i fini, la sintetizza nella proprie forma".
Su questa convinzione don Sturzo mette in luce la sintesi umano-divina che è la storia dell'uomo sulla terra.
Storia che ha la funzione di farci intravvedere, attraverso la ragione, la presenza di Dio che ci viene incontro in un contatto di libertà.
"La storia nostra è attività libera,essa rappresenta le alternative di accettazione e di repulsione del divino, che viene a noi e che abita in noi".
La presa di coscienza di questo rapporto fra grazia e natura, l'incontro con la persona di Gesù Cristo, la fede vissuta nella comunità ecclesiale, sono anche oggi la strada e la forza dell'uomo per una purificazione della superbia, per un avvicinamento degli uomini in solidarietà fraterna senza l'accecamento dell'interesse personale e del potere.
È solo la convergenza fra cristianesimo e ciò che è propriamente umano che può permettere ai laici di percepire le vere esigenze della giustizia e di perseguirle in politica anche in contrasto con gli interessi personali.
"Il finalismo unico e inderogabile per tutti è il regno di Dio e la sua giustizia, che si ricapitola in Cristo Uomo- Dio. La realtà vera non è la natura ma il binomio natura-soprannatura, del quale l'unione in Cristo è il sublime e infinito prototipo. Ogni separazione in Cristo dell'uomo da Dio,come ogni separazione nell'uomo della natura dalla soprannatura, ci fa cadere nell'irreale; perché non esiste un Cristo solo uomo, come non esiste l'uomo solo natura. L'umanità di Cristo è assunta dalla divinità, la natura dell'uomo è elevata dalla grazia "
Anticipando il Concilio Vaticano II, don Sturzo riporta all'origine la rivoluzionaria portata della "laicità cristiana" verso l'azione civile.

Il libro è più che mai attuale nel contesto in cui viviamo in cui il significato del termine "laico", da membro del popolo di Dio ha finito per diventare il non-credente.

Daniela Vidoni
Responsabile regionale del C.I.S.S.

In collaborazione con
Consulta Diocesana dei Laici
Caritas Diocesana

Con il contributo
Regione autonoma Friuli Venezia Giulia
Provincia di Udine
Fondazione CRUP

Con il patrocinio
Regione autonoma Friuli Venezia Giulia
Provincia di Udine
Comune di Udine
Progetto culturale dell'Arcidiocesi di Udine

Con l'adesione
Arcidiocesi di Gorizia
Arcidiocesi di Concordia - Pordenone
Arcidiocesi di Trieste

Sala Paolino di Aquileia - via Treppo 5/b - Udine - 30 settembre 2006 dalle ore 16.00

Saluti iniziali
S.E. Mons. Pietro Brollo, arcivescovo di Udine
Giovanni Palladino, presidente nazionale CISS
Salvatore Martinez, coordinatore nazionale Rinnovamento nello Spirito Santo

Relatore
Don Luigi Sturzo, uomo dello spirito, testimone della carità politica nel Novecento
S.E. Mons. Michele Pennisi, vescovo di Piazza Armerina e presidente della Commissione storica per la causa di canonizzazione di don Struzo

Recital "La Vera Vita"
di don Luigi Sturzo
testi da:

  • La società di Dio
  • Dalla terra al cielo

voce recitante
Giuseppe Bevilacqua
musiche di
Silvio Donati

Seguono interventi del pubblico